Una rinascita consapevole

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Qualche tempo fa scrivevo in un post su Instagram: “qualche volta le carriere possono evolvere in maniera inaspettata, per questo è importante ogni tanto fare un passo indietro e valutare se il percorso in cui ti trovi è in linea con i tuoi valori. Fai la differenza. Puoi!”. 

Avevo da pochissimo lasciato il “posto fisso” nel dipartimento commerciale di una grande azienda internazionale. Considerando che avevo ancora almeno 25 anni lavorativi davanti, ho pensato che sarebbe stato molto piacevole investirli in una professione che avesse senso per me.

Cosa mi appassiona, cosa mi anima? 

La risposta cominciava a disegnarsi in maniera sempre più nitida e colorata nella mia coscienza e rifletteva la passione che mettevo in tante mie esperienze.

Ho fatto tanto volontariato, sia attività di terreno che di sensibilizzazione pubblica. Ho sempre preso a cuore la difesa dei diritti umani. 

Sono stata rappresentante del personale e mi è sempre piaciuto mediare con le aziende per il benessere dei suoi dipendenti. 

Nella mia vita professionale in azienda ho sempre avuto ruoli di mediazione, relazioni pubbliche e di gestione di progetti che prevedevano il coordinamento di vari dipartimenti e la comunicazione con clienti e teams di Paesi diversi.

Ho viaggiato in tantissimi posti straordinari dalla Papua Nuova Guinea a Porto Rico (letteralmente), incontrato tantissime persone uniche e varie, condiviso mille esperienze.

Ho imparato altre tre lingue, oltre l’italiano (che a suo sfavore ho solo peggiorato), per la sola e semplice brama di comunicare con il mondo con il minor numero possibile di barriere. 

Amo la condivisione, l’inclusione e credo nelle risorse di ognuno e nel proprio potere di agire quando si sceglie e si è consapevoli. 

Mi sento molto fortunata di essere nata in un paese democratico e essere una persona libera. 

Ho valorizzato la terapia con una psicologa che si è rivelata una meravigliosa crescita personale.

Grazie alla sofrologia ho lasciato emergere il mio intuito, rafforzato la mia responsabilità d’essere e tanto altro!

Con la Programmazione Neuro-Linguistica, ho scoperto di avere tutte le risorse per far fronte alle mie sfide evolutive e ho imparato a non attaccarmi alle mie idee e credenze. 

Con il coaching ho danzato lungo un percorso creativo e generativo, di consapevolezza e luce.

Io sono Vanna

cosa-mi-anima

Mi appassionano le persone. Mi appassionano la loro felicità e i loro sorrisi. Mi appassionano i gesti di amore tra sconosciuti. Mi appassiona l’esistenza.  

Mi anima l’idea di svelare il mondo delle possibilità accessibile ad ognuno di noi. Mi anima leggere la fierezza e la dignità nello sguardo e nel cuore della persona che ho di fronte. Mi anima poter essere di supporto a chi incrocia la mia strada.  Mi anima la vita. 

Oggi, 21 Aprile 2020, giorno del mio 41 esimo compleanno lo celebro con un bellissimo regalo. Il lancio ufficiale in Italia di una nuova avventura dopo tanto studio, qualche esame e soprattutto un grande vissuto personale, fatto di rivelazioni, consapevolezza e tante soddisfazioni! 

Una terza rinascita anche, in vista della fine del lockdown e che prende ancora più senso e forza. Perché dietro ogni cosa che succede c’è sempre un’opportunità da poter cogliere. 

Poter dire “io sono Vanna, anche Sofrologa e Coach” con la felicità nel cuore, la leggerezza nella mente, il nodo in gola, la fierezza di vivere in coerenza con i miei valori è un dono che faccio a me stessa, unità corpo-mente, e alla vita che io amo e che mi ama.